La crescita esponenziale dell'elettrosmog conseguente alla massiccia diffusione della telefonia mobile ha suscitato notevole allarme. I metodi epidemiologici tradizionalmente usati in Ecologia Umana per valutare i danni ambientali hanno fornito risultati contrastanti favoriti dal lungo tempo di latenza di molti tumori. Si è pertanto deciso di valutare i danni subiti da spermatozoi umani esposti a campi ad alta frequenza. Il materiale proveniente da 200 volontari è stato esposto a campi a 900 e 1.800 MHz. I campioni sono stati esaminati dal laboratorio di Anatomia Patologica dell'Ospedale Sant'Anna di Torino per valutare la Motilità Spermatica prima e dopo l'esposizione. Soprattutto a 1.800 MHz vi sono differenze significative nella motilità delle cellule di terzo grado, le più attive. Suddividendo i campioni in base agli SMI (Sperm Mobility Index) di partenza, è evidente l'alterazione della motilità spermatica nei soggetti con buona qualità di seme (SMI 160-300); mentre fra irradiati e non irradiati si riscontrano differenze a livello di motilità di terzo grado (movimento veloce e rettilineo) e di mobilità generale (somma del III, II e 1 grado). Lo studio ha evidenziato che oggetti con buon seminale di partenza (S.M.I. 160-300), sotto l'effetto di campi elettromagnetici a 1.800 MHz, sono più esposti ad alterazioni della motilità spermatica.

Effetti dei campi elettromagnetici (900 e 1.800 MHz) sugli spermatozoi umani.

LIGABUE, Franca;
2006

Abstract

La crescita esponenziale dell'elettrosmog conseguente alla massiccia diffusione della telefonia mobile ha suscitato notevole allarme. I metodi epidemiologici tradizionalmente usati in Ecologia Umana per valutare i danni ambientali hanno fornito risultati contrastanti favoriti dal lungo tempo di latenza di molti tumori. Si è pertanto deciso di valutare i danni subiti da spermatozoi umani esposti a campi ad alta frequenza. Il materiale proveniente da 200 volontari è stato esposto a campi a 900 e 1.800 MHz. I campioni sono stati esaminati dal laboratorio di Anatomia Patologica dell'Ospedale Sant'Anna di Torino per valutare la Motilità Spermatica prima e dopo l'esposizione. Soprattutto a 1.800 MHz vi sono differenze significative nella motilità delle cellule di terzo grado, le più attive. Suddividendo i campioni in base agli SMI (Sperm Mobility Index) di partenza, è evidente l'alterazione della motilità spermatica nei soggetti con buona qualità di seme (SMI 160-300); mentre fra irradiati e non irradiati si riscontrano differenze a livello di motilità di terzo grado (movimento veloce e rettilineo) e di mobilità generale (somma del III, II e 1 grado). Lo studio ha evidenziato che oggetti con buon seminale di partenza (S.M.I. 160-300), sotto l'effetto di campi elettromagnetici a 1.800 MHz, sono più esposti ad alterazioni della motilità spermatica.
XV Congresso SItE (Società Italiana Ecologia)
Torino
12-14 settembre 2005
AMBIENTE,RISORSE E SVILUPPO
Politeko
1
6
9788887380545
spermatozoa; electromagnetic fields; 900 MHz; 1800 MHz; spermatozoi; campi elettromagnetici
F. LIGABUE STRICKER; GHIRINGHELLO B; TRINCHERO D; RICCARDI I; ARNELLI C; PLACHESI P; DI COSTANZO V; DUCOURTIL D
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/18108
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact