Farmacista prescrittore: un possibile contributo nella sanità territoriale?