Con questo contributo si è voluta centrare l’attenzione sulla crisi emersa dal campo in tutti progetti di ricerca-azione partecipata inerenti la salute della popolazione migrante, realizzati negli ultimi quattro anni dentro e fuori i servizi sanitari della Regione Emilia Romagna dal CSI. Una crisi di efficacia vissuta dagli operatori e dai pazienti, che emerge dalla incapacità di fare fronte alla complessità dei problemi di salute della popolazione in un sistema dei servizi sempre più disarticolato che frammenta gli interventi in maniera verticale, seguendo le logiche aziendaliste dell’efficenza-efficacia che tenta di comprimere e deformare i bisogni di salute della popolazione affinchè si pieghino alle soverchianti necessità di automantenimento del sistema. Chi paga questo livello di stress sono gli operatori di punta che sono l’interfaccia/cerniera tra il servizio come struttura e il paziente con la sua complessità di bisogni. La strategia adottata è quella di trasformare il paziente in qualcosa di “adatto” al sistema e il paziente che con la sua complessità di vita sfugge a certi tentativi di adattamento.

Migrazione, salute socio-relazionale e servizi sanitari. La complessità dell’interazione nelle testimonianze dei pazienti

DI GIROLAMO, CHIARA;
2012-01-01

Abstract

Con questo contributo si è voluta centrare l’attenzione sulla crisi emersa dal campo in tutti progetti di ricerca-azione partecipata inerenti la salute della popolazione migrante, realizzati negli ultimi quattro anni dentro e fuori i servizi sanitari della Regione Emilia Romagna dal CSI. Una crisi di efficacia vissuta dagli operatori e dai pazienti, che emerge dalla incapacità di fare fronte alla complessità dei problemi di salute della popolazione in un sistema dei servizi sempre più disarticolato che frammenta gli interventi in maniera verticale, seguendo le logiche aziendaliste dell’efficenza-efficacia che tenta di comprimere e deformare i bisogni di salute della popolazione affinchè si pieghino alle soverchianti necessità di automantenimento del sistema. Chi paga questo livello di stress sono gli operatori di punta che sono l’interfaccia/cerniera tra il servizio come struttura e il paziente con la sua complessità di bisogni. La strategia adottata è quella di trasformare il paziente in qualcosa di “adatto” al sistema e il paziente che con la sua complessità di vita sfugge a certi tentativi di adattamento.
2012
Migrazione, salute e crisi
Viterbo
10-12 ottobre 2012
Migrazione, salute e crisi
Pendragon
193
193
MIGRAZIONE E SALUTE; SALUTE DEI MIGRANTI; ANTROPOLOGIA MEDICA; complessità assistenziale; METODOLOGIE QUALI-QUANTITATIVE; RICERCA-AZIONE PARTECIPATA; DETERMINANTI SOCIALI DI SALUTE
MARTINO, ARDIGO'; CIANNAMEO, ANNA; PARISOTTO, MARIANNA; MARANINI, NADIA; MARTA, BRIGIDA LILIA; TORTORETO, BRUNELLA; CACCIATORE, FRANCESCA; DI GIROLAMO, CHIARA; BODINI, CHIARA FRANCESCA; CAMPLONE, ILARIA; FABBRI, ALICE; LORUSSO, ANGELO; STEFANINI, ANGELO
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
relazione e salute.pdf

Accesso riservato

Dimensione 22.12 kB
Formato Adobe PDF
22.12 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1893457
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact