Quale “Costituzione”? Troppo mercato, pochi diritti