In migrations investigation the Cape Verdeans can be of anthropological interest. This population since XVth, was made of Portugueses, Europeans and slaves of the African coast. Nowadays 80 per cent of the population is mestizo, 17 per cent black and 3 per cent white. To determine if the genetic heritage of the Cabo Verde islands is mainly from European or from African origin we analyzed the taste blindness to 6-n-propylthiouracil (PROP) The majority of Cape Verdeans individuals (68%) perceive bitterness of 6-n-propylthiouracil (PROP)), as moderately-to-extremely bitter. There is no statistical difference with Italian (69,7 %) and European tasters. Quite different is the comparison with bibliographic data on African population (the incidence of taste blindness to PROP is about 3 % in western Africa i.e. 97% tasters) Such findings on genetic markers of PROP do suggest that the Cape Verdeans, in spite of their unique cultural identity influenced by many countries but especially by West Africa, are biologically nearer to European populations. ------------------------------------------------------------------ Nell’ambito di uno studio antropologico sulla popolazione dell’arcipelago di Capo Verde avente lo scopo di evidenziare differenze e somiglianze, culturali e biologiche, esistenti tra la popolazione capoverdiana e quella europea si è deciso di analizzare, fra i vari parametri, la percezione gustativa della PROP (6-n-propiltiouracile). Tale composto ha attualmente sostituito, per la minor tossicità (DL50 1250 mg/Kg contro DL50 3 mg/Kg), la "storica" PTC (Feniltiocarbamide), per la quale non esistono studi sulla popolazione capoverdiana. Tale popolazione si è originata nel XV secolo prevalentemente da flussi migratori costituiti da portoghesi, ma soprattutto africani in schiavitù e dal punto di vista culturale è attualmente molto vicina alle popolazioni africane. Era pertanto interessante valutare a quale popolazione si avvicinasse di più per il suddetto marcatore genetico. Il campione analizzato,proveniente dall'’isola di Sao Vincente, è stato confrontato con i dati di campioni italiani ,europei e africani. Nella popolazione dell’isola di Sao Vincente i taster alle tradizionali concentrazioni della PROP (dello 0.08 ‰ ) sono il 68 % . Non si rilevano differenze statisticamente significative tra maschi e femmine . Questi dati sono confrontabili con quelli da noi rilevati su popolazioni italiane (69,7 %) e con quelli europei riportati in bibliografia. Per determinare infine se la popolazione capoverdiana sia geneticamente più affine a quella europea o a quella africana si sono confrontati i risultati del campione di Sao Vincente con i dati presenti in letteratura relativi alle altre popolazioni africane : le differenze riscontrate sono notevoli (circa 97% di taster per la PROP nell'Africa occidentale) Questi risultati starebbero ad indicare come la popolazione capoverdiana, che per gli usi e costumi, conserva un forte legame con il resto del continente africano, sia geneticamente più vicina , per il marcatore considerato, alla popolazione europea che a quelle africane

Taste sensitivity to 6-N-propylthiouracil (PROP) in population of the Archipelago of Cabo Verde

LIGABUE, Franca;
2012

Abstract

In migrations investigation the Cape Verdeans can be of anthropological interest. This population since XVth, was made of Portugueses, Europeans and slaves of the African coast. Nowadays 80 per cent of the population is mestizo, 17 per cent black and 3 per cent white. To determine if the genetic heritage of the Cabo Verde islands is mainly from European or from African origin we analyzed the taste blindness to 6-n-propylthiouracil (PROP) The majority of Cape Verdeans individuals (68%) perceive bitterness of 6-n-propylthiouracil (PROP)), as moderately-to-extremely bitter. There is no statistical difference with Italian (69,7 %) and European tasters. Quite different is the comparison with bibliographic data on African population (the incidence of taste blindness to PROP is about 3 % in western Africa i.e. 97% tasters) Such findings on genetic markers of PROP do suggest that the Cape Verdeans, in spite of their unique cultural identity influenced by many countries but especially by West Africa, are biologically nearer to European populations. ------------------------------------------------------------------ Nell’ambito di uno studio antropologico sulla popolazione dell’arcipelago di Capo Verde avente lo scopo di evidenziare differenze e somiglianze, culturali e biologiche, esistenti tra la popolazione capoverdiana e quella europea si è deciso di analizzare, fra i vari parametri, la percezione gustativa della PROP (6-n-propiltiouracile). Tale composto ha attualmente sostituito, per la minor tossicità (DL50 1250 mg/Kg contro DL50 3 mg/Kg), la "storica" PTC (Feniltiocarbamide), per la quale non esistono studi sulla popolazione capoverdiana. Tale popolazione si è originata nel XV secolo prevalentemente da flussi migratori costituiti da portoghesi, ma soprattutto africani in schiavitù e dal punto di vista culturale è attualmente molto vicina alle popolazioni africane. Era pertanto interessante valutare a quale popolazione si avvicinasse di più per il suddetto marcatore genetico. Il campione analizzato,proveniente dall'’isola di Sao Vincente, è stato confrontato con i dati di campioni italiani ,europei e africani. Nella popolazione dell’isola di Sao Vincente i taster alle tradizionali concentrazioni della PROP (dello 0.08 ‰ ) sono il 68 % . Non si rilevano differenze statisticamente significative tra maschi e femmine . Questi dati sono confrontabili con quelli da noi rilevati su popolazioni italiane (69,7 %) e con quelli europei riportati in bibliografia. Per determinare infine se la popolazione capoverdiana sia geneticamente più affine a quella europea o a quella africana si sono confrontati i risultati del campione di Sao Vincente con i dati presenti in letteratura relativi alle altre popolazioni africane : le differenze riscontrate sono notevoli (circa 97% di taster per la PROP nell'Africa occidentale) Questi risultati starebbero ad indicare come la popolazione capoverdiana, che per gli usi e costumi, conserva un forte legame con il resto del continente africano, sia geneticamente più vicina , per il marcatore considerato, alla popolazione europea che a quelle africane
XIX Congresso AAI, Nazionale Associazione Antropologica Italiana. 1961-2011. Cinquant’anni di Congressi, passato, presente e futuro dell’Antropologia .
Torino
21-24 settembre 2011
Journal Biological Research 1961-2011. Cinquant’anni di Congressi, passato, presente e futuro dell’Antropologia .
Rubbettino
LXXXV
1
270
271
9788889277188
http://e20.unito.it/aai2011 per AAI
http://www.uni-astiss.it
6-n-Propylthiouracil; PTC bitterness; taste sensitivity; Cabo Verde
Ligabue Stricker F.; Cacciolatto F.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/90872
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact