Obiettivo dello studio è stato confrontare tre differenti metodi di estrazione del DNA - Chelex® 100 Chelating Ion Exchange Resin (Bio-Rad), colonnine a scambio ionico NucleoSpin® Tissue (Macherey-Nagel) e microparticelle magnetiche NucleoMag 96 (Macherey Nagel) accoppiate ad estrattore automatico KingFisher mL (ThermoLabsystems) - al fine di tipizzare il profilo genetico di materiale biologico deposto su diversi substrati e trattato con esteri cianoacrilici. A tale scopo sangue, saliva ed una singola impronta digitale impressa per un tempo di 5 secondi sono stati deposti su cinque differenti superfici non porose: vetro, plastica, alluminio, calze di nylon e carta plastificata. Le tracce sono state prelevate e processate con due tempistiche differenti per ricreare sia le condizioni dell’analisi immediata (24 ore) che quelle dell’invecchiamento (30 giorni); per le medesime tempistiche sono stati allestiti anche i corrispettivi campioni negativi (“non trattati” con cianoacrilato). Tutti i campioni sono stati quantificati con RT-PCR e solo per quelli provenienti da estrazione con resina chelante è stata prevista un’amplificazione del gene della beta-globina con successiva corsa su gel di agarosio per osservarne la bontà. I risultati ottenuti - indipendentemente dalla tecnica estrattiva applicata - confermano per le impronte digitali impresse per un così breve tempo (5 secondi) quanto già osservato in un nostro precedente studio: non è possibile ottenere DNA genomico di qualità e quantità utile alla tipizzazione di un profilo genetico idoneo alla comparazione. Per quanto riguarda i differenti metodi a confronto, solo l’uso del Chelex 100 è risultato inadeguato, mentre sferette paramagnetiche e colonnine in silice possono essere considerate pressoché equiparabili. È inoltre possibile aggiungere che il trattamento di esaltazione delle impronte latenti con i cianoacrilati non comporta una successiva inibizione nei processi di estrazione e amplificazione del DNA.

Estrazione di DNA genomico da campioni biologici trattati con esteri cianoacrilici: tre diversi metodi a confronto

GINO, Sarah
2012

Abstract

Obiettivo dello studio è stato confrontare tre differenti metodi di estrazione del DNA - Chelex® 100 Chelating Ion Exchange Resin (Bio-Rad), colonnine a scambio ionico NucleoSpin® Tissue (Macherey-Nagel) e microparticelle magnetiche NucleoMag 96 (Macherey Nagel) accoppiate ad estrattore automatico KingFisher mL (ThermoLabsystems) - al fine di tipizzare il profilo genetico di materiale biologico deposto su diversi substrati e trattato con esteri cianoacrilici. A tale scopo sangue, saliva ed una singola impronta digitale impressa per un tempo di 5 secondi sono stati deposti su cinque differenti superfici non porose: vetro, plastica, alluminio, calze di nylon e carta plastificata. Le tracce sono state prelevate e processate con due tempistiche differenti per ricreare sia le condizioni dell’analisi immediata (24 ore) che quelle dell’invecchiamento (30 giorni); per le medesime tempistiche sono stati allestiti anche i corrispettivi campioni negativi (“non trattati” con cianoacrilato). Tutti i campioni sono stati quantificati con RT-PCR e solo per quelli provenienti da estrazione con resina chelante è stata prevista un’amplificazione del gene della beta-globina con successiva corsa su gel di agarosio per osservarne la bontà. I risultati ottenuti - indipendentemente dalla tecnica estrattiva applicata - confermano per le impronte digitali impresse per un così breve tempo (5 secondi) quanto già osservato in un nostro precedente studio: non è possibile ottenere DNA genomico di qualità e quantità utile alla tipizzazione di un profilo genetico idoneo alla comparazione. Per quanto riguarda i differenti metodi a confronto, solo l’uso del Chelex 100 è risultato inadeguato, mentre sferette paramagnetiche e colonnine in silice possono essere considerate pressoché equiparabili. È inoltre possibile aggiungere che il trattamento di esaltazione delle impronte latenti con i cianoacrilati non comporta una successiva inibizione nei processi di estrazione e amplificazione del DNA.
XXIV Convegno Nazionale Genetisti Forensi Italiani (GeFI)
Pavia
20-22 settembre 2012
-
-
-
-
-
OMEDEI M.; ROMANELLI A.; GINO S.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/123313
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact