Olivicoltura in aree marginali: casi di studio in Piemonte