Alcune amministrazioni comunali del Canavese, dovendosi confrontare con problemi quali la disoccupazione conseguente alla crisi di molte industrie presenti in loco, si sono impegnate per risvegliare l’iniziativa economica e per attirare nuovi investimenti, nel rispetto dell’ identità storica di un territorio caratterizzato anche da attività agricole. Nel 2004, nove Comuni canavesani, con il sostegno di un partner tecnico, la società Ribes Consulting di Ivrea, hanno aderito al progetto ISACCo promosso dalla Fondazione CRT di Torino. Obiettivo di questo progetto era la promozione di forme associative di piccoli comuni finalizzate allo sviluppo economico del territorio ed al miglioramento della qualità di vita nei piccoli centri. I Comuni di Cuceglio, Barone Can.se, Candia Can.se, Montalenghe, Orio Can.se, San Giorgio Can.se, San Giusto Can.se, Vialfrè, Vische hanno costituito, quindi, un’associazione intercomunale ed hanno presentato un progetto congiunto volto al rilancio di due coltivazioni tradizionali dell’area canavesana: la canapa e l’olivo. Le conclusioni del progetto, avviato ad ottobre 2004, sono state presentate al Convegno “Olivo e Canapa – Le coltivazioni della canapa e dell’olivo nell’Anfiteatro Morenico di Ivrea”, che si è tenuto ad Ivrea il 2 dicembre 2005. In questo articolo si presentano alcuni dei più rilevanti dati emersi dallo studio condotto dal Dipartimento di Scienze Merceologiche dell’Università degli Studi di Torino sull’olivicoltura e sull’olio extravergine di oliva canavesano.

La coltivazione dell'olivo nell'anfiteatro morenico di Ivrea e le prospettive dell'olio extravergine di oliva canavesano

VARESE, Erica;PERCIVALE, Franco;BONADONNA, ALESSANDRO;PEIRA, Giovanni
2006

Abstract

Alcune amministrazioni comunali del Canavese, dovendosi confrontare con problemi quali la disoccupazione conseguente alla crisi di molte industrie presenti in loco, si sono impegnate per risvegliare l’iniziativa economica e per attirare nuovi investimenti, nel rispetto dell’ identità storica di un territorio caratterizzato anche da attività agricole. Nel 2004, nove Comuni canavesani, con il sostegno di un partner tecnico, la società Ribes Consulting di Ivrea, hanno aderito al progetto ISACCo promosso dalla Fondazione CRT di Torino. Obiettivo di questo progetto era la promozione di forme associative di piccoli comuni finalizzate allo sviluppo economico del territorio ed al miglioramento della qualità di vita nei piccoli centri. I Comuni di Cuceglio, Barone Can.se, Candia Can.se, Montalenghe, Orio Can.se, San Giorgio Can.se, San Giusto Can.se, Vialfrè, Vische hanno costituito, quindi, un’associazione intercomunale ed hanno presentato un progetto congiunto volto al rilancio di due coltivazioni tradizionali dell’area canavesana: la canapa e l’olivo. Le conclusioni del progetto, avviato ad ottobre 2004, sono state presentate al Convegno “Olivo e Canapa – Le coltivazioni della canapa e dell’olivo nell’Anfiteatro Morenico di Ivrea”, che si è tenuto ad Ivrea il 2 dicembre 2005. In questo articolo si presentano alcuni dei più rilevanti dati emersi dallo studio condotto dal Dipartimento di Scienze Merceologiche dell’Università degli Studi di Torino sull’olivicoltura e sull’olio extravergine di oliva canavesano.
Anno X, n. 50
34
37
http://www.regione.piemonte.it/archivio/agri/ita/news/pubblic/quaderni/num50/dwd/34.pdf
Erica Varese; Franco Percivale; Alessandro Bonadonna; Giovanni Peira
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Piemonte agricoltura n50.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 230.64 kB
Formato Adobe PDF
230.64 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/136131
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact